Terramatta

Un film di Costanza Quatriglio. Con Roberto Nobile Documentario, durata 75 min. – Italia 2012. – Cinecittà Luce

Queste raccontate in Terramatta;, il documentario diretto da Costanza Quatriglio, sono le memorie di Vincenzo Rabito, un siciliano nato nel 1899 e passato a miglior vita nel 1981, che dopo una vita da analfabeta ha inventato una lingua ed ha lasciato ai posteri un’autobiografia di oltre mille pagine. Il suo racconto del Novecento italiano è quello di un cantastorie puro, è una sinfonia di paesaggi di oggi e di ieri suonata con un linguaggio musicalmente puro, un mix di tenerezza e verità fatto di filmati d’archivio, immagini contemporane e parole d’amore che rilegge la Storia d’Italia obbligandoci a fare i conti con verità dure e contraddittorie del nostro passato. Non sono scritte né in italiano né in dialetto, ma le tante pagine rilegate a mano con la corda lasciate da Rabito sono una vivida testimonianza delle imprese di un uomo come tanti che dal piccolo paesino siciliano di Chiaramonte Gulfi è arrivato, per via della guerra, fino in Slovenia, in Etiopia e persino in Germania.
Parole lette con trasporto da Roberto Nobile, filmate e impresse nelle immagini del film dalla Quatriglio che riesce a disseminarle lungo la narrazione come a volerle incorporare al contesto storico in cui sono state scritte, parole che offrono un punto di vista inedito ed epico sulla vita degli italiani vissuti all’inizio del secolo scorso ed ancora vivi in un immaginario fatto di memoria individuale e collettiva, di scatti, di luoghi e di piccole e grandi imprese di un’esistenza vissuta appieno. La storia di una vita, di un uomo che in vecchiaia definisce la propria identità nell’urgenza di raccontarsi, di lasciare una traccia indelebile delle sue battaglie, di quelle perse e di quelle vinte, ma anche di quelle mai combattute. Inizia a lavorare a sette anni per aiutare la famiglia a sopravvivere. Poi la cartolina precetto arrivata troppo presto e la guerra, lontano dalla sua Sicilia, il rapporto con le donne, il socialismo e il fascismo, l’arrivo dei figli, la morte dei genitori, il ritorno al suo paese e l’inizio della professione di cantoniere in un piccolo casale su un’importante strada della provincia di Ragusa. “Io tremavo come tramava la terra perché avevo troppo paura” dice ad un certo punto Rabito parlando del suo primo giorno al fronte introducendo uno dei racconti più duri di tutta la storia perché parlando di un periodo così difficile per l’Italia non si può non fare i conti con il lato oscuro, quello nascosto nelle pieghe di una storia tutta al maschile.
Un esperimento riuscito quello della Quatriglio che riesce a donare uno sguardo pop alla storia di Rabito e degli italiani sporcando, con i colori e con una sovrapposizione anche visiva del passato sul presente, le immagini di repertorio che seguono passo passo i luoghi della vita e le parole dello scrittore siciliano che risuonano soavemente grazie alla voce narrante di Nobile che si fa portatrice di grandi verità. Si ride, si piange, ci si emoziona con Terramatta – Il Novecento italiano di Vincenzo Rabito analfabeta siciliano, ancor più sapendo che le memorie di questo italiano semplice sono state premiate nel 2000 a Pieve Santo Stefano nel concorso diaristico nazionale e che Giulio Einaudi Editore ne ha realizzato un libro intitolato Terra Matta trasformando gli scritti di Rabito in uno straordinario caso editoriale. Quanta vita c’è nelle pagine chiare e nelle pagine scure di questo diario segreto nato da riflessioni e pensieri di un uomo come tanti che ha riempito notti insonni e giornate malinconiche con il dolce ticchettio della sua macchina da scrivere.
Luciana Morelli http://www.movieplayer.it

Dal 1968 al 1975 Vincenzo Rabito (1899-1981), bracciante siciliano, s’è dedicato alla stesura delle sue memorie, guerreggiando con l’essere «inafabeto», analfabeta, abbarbicando i ricordi a una lingua nuova, raccontando la propria «maletratata e molto travagliata e molto desprezata vita». E, insieme, un secolo: dalla Prima Guerra Mondiale al Boom economico, le sue parole sottraggono la Storia alla storiografia, la reinterpretano in soggettiva, sfumando i chiaroscuri («Nella mia vita aveva stato uno acanito socialiste e quase quase restaie male a campiare partito, ma poi tra me disse: “Non paganto niente…”. E così, mi l’ho preso e sono deventato fascista»), restituendo un ritratto d’uomo e d’epoca fuori dagli schemi della memoria collettiva ed estraneo al linguaggio dominante, e dunque, alle formule in cui il pensiero si raggruma e tramanda. La Quatriglio, sempre alla ricerca di sguardi marginali, fa esplodere le parole di Terra matta (pubblicato da Einaudi nel 2007) proiettandole sul paesaggio d’oggi, facendole lottare in voice over contro i filmati di propaganda, lasciandole riscoprire e commentare dai figli di Vincenzo: l’urgenza dialettica di questo montaggio serrato tra presente e passato è un invito a comprendere la persistenza e la pregnanza, oggi, di questa piccola, fortunatamente «disonesta», potentissima Storia.
Giulio Sangiorgio http://www.filmtv.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: