La bicicletta verde

Un film di Haifaa Al-Mansour. Con Reem Abdullah, Waad Mohammed, Abdullrahman Algohani, Ahd Kame, Sultan Al Assaf Titolo originale Wadjda. Drammatico, durata 100 min. – Arabia Saudita, Germania 2012

Primo film girato integralmente in Arabia Saudita (con l’ausilio di capitali tedeschi) e primo a essere diretto da una donna (con walkie talkie dal retro di un camioncino, quando necessario per sfuggire alle denunce), “La bicicletta verde” è una piccola grande opera di dolce e penetrante realismo. Visto alle sezione Orizzonti di Venezia 2012.

La bicicletta verde (Waad Mohammed, prima esperienza sul grande schermo) è una ragazzina vivace ed estroversa della periferia di Riyāḍ, capitale dell’Arabia Saudita. Ribelle a suo modo, non incline ad abbassare il capo di fronte a nessuno, veste Converse All Stars sotto la tunica nera, dimentica frequentemente di coprirsi col velo, vende trecce colorate alle compagne (scoubidou), battibecca con gli altri ragazzini e tenta di essere più forte di loro. Una piccola furia esplosiva nel tradizionalismo imperante dell’ambiente in cui vive, non a caso spesso in difficoltà con la preside della sua scuola, la fondamentalista Hussa (Ahd Kamel, popolare attrice e regista attiva perlopiù a New York), e con la madre (Reem Abdullah), benché più flessibile. A complicare la vicenda per La bicicletta verde, già mal vista a scuola, è la sua nuova ossessione: comprare la bicicletta verde del negozio sotto casa per poter gareggiare con l’amico Abdullah (Abdullrahman Al Gohani) e batterlo in corsa. Due sono i problemi: da una parte, non è tollerato che le donne vadano in bicicletta (se vogliono sperare di sposarsi, un giorno), dall’altro, la bicicletta costa 800 riyāl, circa 165 €. Una somma enorme per la piccola La bicicletta verde, che tuttavia non si perderà d’animo e comincerà a cercare tutti i modi per tirare su la grana. Fino alla svolta: una gara di canto del Corano con un montepremi di 1.000 riyāl. E’ l’occasione che stava aspettando. Ora però deve farsi riammettere alla classe di religione da cui era stata espulsa, imparare a leggere e a cantare il Corano, superare un quiz a domande strettamente religiose
Affresco della decadenza di tradizionalismi e stringente ortodossia, grande protagonista del film è la donna in senso generale. Gli uomini in questo film sono marginali, visti perlopiù da lontano, quasi inerti e incapaci del leggiadro vivere della femmina. Da Abdullah, ragazzino senza polso in lite con La bicicletta verde, fino al padre che si sposa in seconde nozze con un’altra donna più per sua vigliaccheria e dispotismo della nonna paterna, passando per l’amante della preside Husse fino ad arrivare allo zio di Abdullah, un politico semidimenticato, e all’amante della giovane e bella Abeer, la figura maschile è inclina ai vizi, pressoché priva di spessore, incapace di assumersi responsabilità o di superare i tradizionalismi. Le donne del film non sono per forza migliori, ma sono certamente più dinamiche e affiora percettibilmente la volontà di infrangere il claustrofobico ambiente maschilista. Se La bicicletta verde è senz’altro il personaggio positivo per eccellenza, speranzoso messaggio per nuove generazioni più aperte e per un futuro più roseo, ruoli più controversi spettano agli adulti: la madre è combattuta tra soffocante credenza religiosa e tentativi di riconquistare il marito vestendo uno sgargiante vestito rosso occidentalizzante; la preside Husse, fortemente tradizionalista (non tollera nemmeno che la voce delle ragazze si possa alzare, “non deve essere udibile oltre la porta della stanza”), viene pescata con un amante che lei cerca di far passare come un ladro; la bella Abeer, studentessa più grande, è scandalosamente scoperta a sua volta con un amante, mentre l’amica della madre di La bicicletta verde impiega poco tempo, nel suo nuovo ambiente di lavoro, per gettare il velo e cominciare a seguire nuove abitudini di vita. Spicca anche un dettaglio non trascurabile: in tutto il cast, i personaggi femminili sono perlopiù dotati di un nome, mentre tutti i personaggi maschili sono etichettati solo in relazione con i personaggi femminili (amante di Abeer, il padre, lo zio di Abdullah, il negoziante, e così via). L’unico vero personaggio maschile è il giovane Abdullah, figura positiva e, assieme a La bicicletta verde, speranza per una generazione che possa rompere i tradizionalismi. Emblema di questa nuova, promettente generazione è il gareggiare in bicicletta tra i due bambini e, a dispetto delle minacce della madre “Nessuno ti sposerà se andrai in bicicletta”, le parole sincere di Abdullah: “Quando siamo grandi io voglio sposarti”.
(…) Curiosità: in realtà c’è un secondo personaggio maschile dotato di nome proprio. Si tratta dell’autista, Iqbal (Mohammed Zahir), probabilmente pakistano. Anche se è una figura problematica del film, incarna una dinamicità e una volontà autonoma pressoché assenti negli altri uomini. Viene additato come “maleducato” da La bicicletta verde, ma in realtà è l’unica persona a guardare i personaggi femminili a pari altezza e a portare con sé un altro trauma: il distacco dalla propria famiglia e dalla figlia, per venire a lavorare in Arabia Saudita. Non è forse un caso che si chiama Iqbal, come il ragazzo-simbolo della lotta contro la schiavitù in Pakistan
Luca Chiappini, http://www.everyeye.it, 07-12-2012

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: