Le ricette della signora Toku

Un film di Naomi Kawase. Con Kirin Kiki, Masatoshi Nagase, Kyara Uchida, Miyoko Asada, Etsuko Ichihara Titolo originale An. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 113 min. – Giappone 2015

«Il segreto dei dorayaki? Che ogni cosa, come ogni persona, ha bisogno delle altre. Nessuno può vivere da solo». Quei piccoli pancake ripieni di salsa dolce di azuki, resi popolari in occidente dal manga Doraemon, la regista giapponese Naomi Kawase li conosce molto bene. A fare la differenza è la riuscita del ripieno. Che non è esattamente una marmellata, né una crema, né una vellutata. Bastano una parola di due lettere, an, per definirla. Un’alchimia frutto di conoscenze antiche e molta, molta pazienza. Toku, l’anziana e un po’ misteriosa protagonista del film che la regista ha tratto dal romanzo di Durian Sekagawa, (An in originale, da noi Cinema lo ha distribuito con il titolo Le ricette della signora Toku) la vuole condividere e insegnare a Sentaro, il gestore del piccolo locale che utilizza barattoloni di asettico an industriale. «Dobbiamo accoglierli con cura» dice Toku. «I clienti?» domanda l’uomo. «No. I fagioli» spiega lei che dietro al candore nasconde un segreto drammatico.
«È stato questo l’aspetto che mi ha conquistato del libro: la capacità di descrivere ciò che è invisibile all’occhio». Come i sapori. «Sono anche quelli più difficili da rendere sullo schermo ma è anche ciò che credo mi riesca meglio con il mio cinema» spiega Kawase che per il film ha chiesto ai suoi due interpreti — la deliziosa Kirin Kiki, la donna che sussurrava ai fagioli («Dobbiamo ascoltare le storie che raccontano») e Magatoshi Nagase — di passare molto tempo a imparare a cucinare alla perfezione i dorayaki. «Sì, ho voluto che vivessero e lavorassero nel negozio di dorayaki e alla fine la gente che non sapeva che fosse per un film pensava fosse vero e entrava a comprarli».
Quarantasei anni, habituée del festival di Cannes dove ha vinto la Camera d’oro nel 1997 e il Grand Prix speciale della Giuria nel 2007, fondatrice del Nara International Film Festival con l’obbiettivo di aiutare i giovani filmmakers, Kawase è maestra nel trasformare in cinema le piccole cose quotidiane, renderle uniche. «Prendo ispirazione da quello che mi circonda, le idee mi vengono camminando per strada». Fondamentale, racconta, è il rispetto per il passato. «I ricordi sono insostituibili: i film possono catturarli. Proprio come accade con la cucina». Il cibo, racconta, è un’estensione della natura. In perfetta sintonia con i concetti cari alla cultura giapponese di armonia e gratitudine. «La mia estensione preferita. Adoro mangiare. Il cibo ci rende felici e ci riempie la mente di meraviglia. Non credo che nessuno possa sentirsi arrabbiato mentre mangia qualcosa di delizioso». Attraverso il cibo e la sua lavorazione, sostiene Kawase, impariamo a conoscerci. Anche senza parlare. «Niente è più importante della fiducia: bisogna passare tempo insieme per capire cosa c’è nella testa dell’altro». Vale anche, insegna la signora Toku, per gli azuki. E per i ciliegi, simbolo della cultura giapponese, che popolano il film. «Rappresentano la vita e la morte, il ciclo della vita. Noi conosciamo il significato di fine e inizio, amiamo i ciliegi perché sono effimeri». Potenza di un dorayaki. I dorayaki e le ricette della signora To «Il segreto dei dorayaki? Che ogni cosa, come ogni persona, ha bisogno delle altre. Nessuno può vivere da solo». Quei piccoli pancake ripieni di salsa dolce di azuki, resi popolari in occidente dal manga Doraemon, la regista giapponese Naomi Kawase li conosce molto bene. A fare la differenza è la riuscita del ripieno. Che non è esattamente una marmellata, né una crema, né una vellutata. Bastano una parola di due lettere, an, per definirla. Un’alchimia frutto di conoscenze antiche e molta, molta pazienza. Toku, l’anziana e un po’ misteriosa protagonista del film che la regista ha tratto dal romanzo di Durian Sekagawa, (An in originale, da noi Cinema lo ha distribuito con il titolo Le ricette della signora Toku) la vuole condividere e insegnare a Sentaro, il gestore del piccolo locale che utilizza barattoloni di asettico an industriale. «Dobbiamo accoglierli con cura» dice Toku. «I clienti?» domanda l’uomo. «No. I fagioli» spiega lei che dietro al candore nasconde un segreto drammatico.
Stefania Ulivi, http://www.corriere.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: