Il segreto di Joe Gould

Titolo originale: Joe Gould’s secret
Regia: Stanley Tucci
Sceneggiatura: Howard A. Rodman
Fotografia: Maryse Alberti
Musiche: Evan Lurie
Montaggio: Suzy Elmiger
Scenografia: Andrew Jackness
Produzione: Beth Alexander, Charles Weinstock E Stanley Tucci Per Bohemian Productions, First Cold Press Productions, October Films, Weinstock Productions
Distribuzione: Lab 80 Films
Durata: 106′
Genere: Drammatico
Interpreti: Ian Holm, Stanley Tucci, Susan Sarandon, Hope Davis, Sarah Hyland
Note: tratto dal libro “professor Seagull, Joe Gould’s secret” di Joseph Mitchell

Stanley Tucci, dopo aver firmato The big night e gli imbroglioni, arriva sugli schermi italiani con la sua ultima opera II segreto di Joe Gould.
Nella New York degli anni 40, Joe Gould, un artista anticonformista e bohemien, vive alla giornata sui marciapiedi tra diseredati e falliti. Joe lavora incessantemente all’eroico e misterioso progetto di scrivere una Storia Orale dell’Umanità, fatta di frammenti di discorsi quotidiani, di conversazioni casuali, di imprecazioni spontanee. Nella sua opera, dovrebbe finalmente trovare spazio quel rumore di fondo dell’umanità, da sempre ignorato dai romanzi e dalla Storia. Gould vuole tessere in un’unica trama le voci caotiche, le parole disordinate che si mescolano sui marciapiedi, nei caffè, nelle cucine e nelle camere da letto. Niente mediazioni letterarie, nessuna concessione a narrazioni narcisiste, lo scrittore diviene portavoce della strada, senza pretese culturali o prese di posizione intellettuali. Ma è veramente possibile l’impresa contraddittoria di scrivere una storia orale?
Joe Gould è così convinto del suo lavoro che sulla folle impresa letteraria riesce pure a camparci. Gira per New York propagandando la sua opera e raccogliendo offerte per la Fondazione Joe Gould. Il progetto è così strampalato e lo scrittore così eccentrico, da affascinare un giornalista del New Yorker. Joe Michell comincia a frequentare Gould e a scrivere articoli su questo strano personaggio, fino a farlo diventare una celebrità. Ma comincia anche a sospettare che l’opera di Gould sia solo un’affabulante proiezione della sua fantasia, un sogno raccontato così tante volte da diventare quasi vero. La Storia Orale dell’Umanità è forse davvero un’opera impossibile, che può trovare spazio solo in una mente sulla soglia della follia.
Presentato in anteprima nazionale alla Cineteca Italiana di Milano, il film di Tucci è un ritratto sensibile e disincantato di un’esistenza scomoda e marginale. La storia si avventura nelle oscure viscere creative dello scrittore, fino a diventare una riflessione sulla crisi di un artista e sul suo difficile ruolo nella società.
Alessio Turazza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: