Gli uccelli

Regia di Alfred Hitchcock. Con Jessica Tandy, Rod Taylor, Suzanne Pleshette, Tippi Hedren, Veronica Cartwright. Titolo originale: The Birds. Genere Drammatico, – USA, 1963, durata 120 minuti. Distribuito da Cineteca di Bologna.

(…) Tratto dall’omonimo racconto di Daphne du Maurier, Gli uccelli è un vero incubo a cielo aperto. Dove non sembra più esserci via di fuga, neanche dentro casa. Melania Davies (Tippi Hedren) arriva a Bodega Bay, cittadina californiana vicino San Francisco, per regalare una coppia di pappagallini “inseparabili” a Mitch (Rod Taylor), un avvocato che vive sul posto assieme alla madre e alla sorellina e che aveva conosciuto in un negozio di animali. Mentre sta attraversando la baia su un piccolo motoscafo, viene colpita da un gabbiano. Sembra solo un incidente. In realtà gli attacchi si faranno sempre più frequenti e arriveranno a minacciare l’intera comunità.

Parte come una commedia degli equivoci. Con Melania che si finge la commessa del negozio. E Mitch che già la conosceva. Con la solita apparizione di Hitchcock in aperura che esce dal negozio con due cani terrier al guinzaglio. Poi la tensione diventa prima crescente. Poi sempre più devastante. Dove Hitchcock mantiene le tre unità di luogo, tempo, azione e fa diventare Bodega Bay sempre più stretta, claustrofobica. Ma Gli uccelli è anche una partitura visiva e sonora. Di 3000 inquadrature (quasi il triplo di quelle che il regista utilizzava normalmente), in circa 400 c’erano trucchi e fotomontaggi. E sono stati utilizzati diversi fondali perché Hitchcock odiava lavorare in esterno. Con mascherine e fondali illuminate con lampade al sodio su fondale giallo. Seguendo il metodo Walt Disney. Dove c’è tutto Hitchcock negli spostamenti. La magia, l’esposizione di un fondo artificiale. Come Caccia al ladro Vertigo. Il cinema come gioco infinito. (…)

C’è qualcosa di più della finzione. Un film tormentato. Già in preda all’isteria. Alla follia. Quasi ogni giorno un membro della troupe doveva ricorrere a cure mediche per l’attacco degli uccelli. Inoltre le riprese sono state interrotte per una settimana per un esaurimento nervosi di Tippi Hedren, nuova musa ossessiva di Hitchcock, protagonista anche del successivo Marnie.

Ma dove Gli uccelli appare ancora più rivoluzionaria è nell’uso del suono. Quasi un altro film insieme. Che scorre parallelamente. Che si concentra soprattutto sui rumori degli uccelli, il battito d’ali, il loro becco che s’infrange sul vetro. C’è un vero e proprio script dei suoni. Manca totalmente l’accompagnamento musicale tradizionale, tranne a un accenno di Première Arabesque di Claude Debussy e Risseldy Rosseldy, la canzone dei bambini nella scuola. Ma ci sono anche i gridi muti. I silenzi. Altra estensione di un lavoro infinito. Ancora oggi tra i film più inquietanti di Hitchcock. Che ha dato vita, nel corso degli anni, a letture religiose, ecologiche, politiche, psicanalitiche. Qui non ci interessa nulla. È un film sempre più sovraumano. Forse uno tra quelli in cui il regista ha messo in gioco se stesso. (…)

Simone Emiliani (Sentieriselvaggi.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: