L’ignoto spazio profondo

Titolo originale: The Wild Blue Yonder
Regia: Werner Herzog
GERMANIA, GRAN BRETAGNA, FRANCIA – 2005
Genere: documentario

Attraverso le parole di un alieno seguiamo un’ipotesi: cosa succederebbe se, all’improvviso, una navetta spaziale in orbita attorno alla terra non potesse più fare ritorno alla base perché le condizioni di vita sul nostro pianeta sono diventate impossibili? Per gli astronauti l’unica possibilità di scampo sarebbe quella di trovare un altro luogo dove stabilirsi. Ma inviando sulla superficie di un altro pianeta la sonda Galileo, i dati che questa riporta non sono rassicuranti: la loro, quindi, sembrerebbe destinata ad essere una missione suicida. Questa ipotesi sconfortante viene illustrata dalle parole di un alieno reduce dalla missione fallimentare di integrare la propria comunità con quella già esistente sulla terra. Gli extraterrestri vengono da The Wild Blue Yonder, un pianeta composto di elio allo stato liquido e immerso in un’atmosfera completamente ghiacciata.

La prima cosa da fare, dopo aver visto The Wild Blue Yonder, è ringraziare il regista Werner Herzog di averci regalato il migliore dei Piero Angela del mondo, quel Brad Dourif che non a nostro avviso è uno degli attori più bravi in circolazione penalizzato, forse, da tutto il successo che ottenne con il suo primo ruolo importante (in realtà il suo esordio) in Qualcuno volò sul il nido del cuculo. La seconda cosa da fare è dare il benvenuto all’intelligente ironia di questo pamphlet che molto meglio di tanti documentari sull’argomento ci descrive lo stato del pianeta terra. Uno stato disastroso persino agli occhi di un alieno, il già citato Dourif in versione dichiaratamente kinskiana. Peraltro gli alieni, al contrario di quanto abbiamo sempre creduto, sono dei falliti, se non altro perché i loro progetti di costruire centri commerciali sono malinconicamente naufragati. Anche se adesso, sembra, altri si sono impossessati delle loro brillanti e rivoluzionarie idee. E chi altri se non i terrestri? Che proprio nello spazio vorrebbero esportare i simboli del capitalismo più spinto. Grazie a dei tunnel spaziali si potrebbero infatti realizzare queste costruzioni dove, tra un viaggio planetario e l’altro, si potrebbe fare shopping e rilassarsi. Dopo l’ironia, però, rimane la sensazione della drammaticità del tutto che ci circonda. Werner Herzog fa centro ancora una volta, sintetizzando, in un’opera che diverte nonostante mantenga i tempi canonici del documentario, la preoccupazione per i nostri destini e la speranza che forse, magari proprio grazie alla scienza e al “senso poetico della Nasa” e di altre istituzioni scientifiche qualcosa possa migliorare. Noi, a scanso d’equivoci, ci stiamo procurando un kit da teletrasporto nell’attesa di poter pronunciare appena possibile la fatidica frase: “Beam me up, Scottie!”.
(Alessandro Boschi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: